Le caratteristiche della mela campanina

 

Cos’è la mela campanina

    • Le caratteristiche della mela campanina, cos’è questo strano frutticino,e perchè lo si dovrebbe preferire alle bellissime mele che sono in commercio da diversi anni. Per approfondire tutto ciò,citeremo di seguito la ricerca svolta dall’università di Bologna,e pubblicata nel numero 3 2003 della “rivista di frutticultura”(due autorità in materia). Nell’articolo vengono comparate diverse varietà di mele e ne vengono valutate le qualità sia prima che dopo la cottura. Visto che l’articolo è piuttosto lungo,citiamo subito le conclusioni:
mela campanina e altissimo potere antiossidante
da notare la superiorità della mela campanina rispetto alle altre mele

“I frutti delle varietà autoctone considerate presentano un contenuto di composti funzionali (acido ascorbico, polifenoli e pectine) maggiore rispetto alla var. Colden Delicious e mostrano (tutte tranne lavar. Decio) un’attività antiossidante significativamente superiore a quella di questa varietà commerciale di riferimento. Seppure a seguito del processo di trasformazione dei frutti in purea si sia verificato un generale abbattimento del potere antiossidante, in alcuni casi molto evidente, nell’arco di tre mesi di conservazione, tutte le varietà

mela campanina e potere antiossidante fino a 4 volte superiore
da notare il potere antiossidante fino a 4 volte superiore della mela campanina

tranne la Decio hanno mostrato una capacità antiossidante delle puree superiore alla varietà commerciale Colden Delicious. Nel caso della cv Campanino l’attività antiossidante è risultata quattro volte superiore rispetto a quella della varietà di riferimento. Tutte le varietà antiche hanno mostrato un potere gelificante superiore a quello di Colden Delicious, grazie al loro alto contenuto in pectine.

grafico proprietà mela campanina
grafico delle proprietà della mela campanina

Questa proprietà le rende adatte sia per la preparazione di puree o confetture, sia per un eventuale utilizzo come substrato per l’estrazione di pectine dai residui di lavorazione o anche dai frutti freschi. In definitiva, si può affermare che queste varietà autoctone o “antiche” presentano interessanti proprietà funzionali e si può quindi ipotizzare un loro uttlizzo come ingredienti in formulati complessi”

2 Replies to “Le caratteristiche della mela campanina”

  1. Mio nonno possedeva un terreno nel quale, tra molte varietà di frutta aveva un albero di mele CAMPANINE. Piccole e saporite le mangiavo in quasi un sol boccone. Rea la merenda che portavo a scuola.
    Abito a Verona, gradirei conoscere un serio “allevatore” di vere mele CAMPANINE.
    Chiedo, quindi un indirizzo per acquistare una pianta, quando va messa a dimora e cosa necessita per un giusto svilippo della stessa.
    GRAZIE

    1. Per l’acquisto di alberi di mele campanine la rimando alla sezione “chi siamo”
      La messa a dimora va ovviamente eseguita a riposo vegetativo (inverno)
      Il giusto sviluppo della pianta è un discorso molto più complicato,l’albero deve vegetare bene nei primissimi anni di vita.
      Dopodichè la potatura deve essere “tollerante”per far si che la pianta si calmi e si metta a fruttificare,altrimenti con una potatura “severa”si otterrà un pessimo risultato con piante vigorose e frutti di scarsa qualità.
      Altro punto delicato sarà la concimazione calcica.
      La campanina è una mela molto compatta e buona se riesce a reperire calcio con regolarità perciò bisognerà prestare attenzione a questo fattore durante l’accrescimento dei frutti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *